L’Equity Crowdfunding

 

Cosa è il Crowdfunding

E’ una raccolta fondi (“funding”) di tipo collettivo, realizzata on-line, in cui molte persone (“crowd” – folla) effettuano contribuzioni in denaro, anche di modesta entità, al fine di favorire lo sviluppo di un progetto o di una iniziativa che ritengono interessante sostenere. Se non è previsto un ritorno economico si parla di donation o reward crowdfunding.

L’Equity Crowdfunding

E’ una tipologia di crowdfunding nella quale chiunque può investire in un’impresa che pubblica una campagna di raccolta fondi su un portale online specializzato (piattaforma di equity crowdfunding).

La campagna ha una durata limitata (p.es. 90 giorni) e un obiettivo di fondi da raccogliere. Se, al suo termine, l’obiettivo è raggiunto, gli investitori entrano nel capitale sociale (“equity”) della società, condividendo in tal modo il “rischio d’impresa” con il socio o i soci già esistenti.

Tramite l’investimento si acquisisce così un vero e proprio titolo di partecipazione nella società ed i relativi diritti amministrativi e patrimoniali che ne derivano, ivi compresi eventuali dividendi futuri o un “capital gain” cioè il realizzo di plusvalenze a seguito della cessione della partecipazione.

L’Italia è il primo Paese ad essersi dotato di una disciplina specifica ed organica che è in vigore dal 2013 (consulta tutta la normativa di riferimento), i cui punti salienti sono:

  • L’equity crowdfunding è vigilato dalla Commissione Nazionale per le Società e la Borsa (CONSOB);
  • Solo le “Start-up innovative” e le “PMI innovative “ possono effettuare raccolta di capitale di rischio con operazioni di equity crowdfunding. Dal 2016, sono ammesse anche le “startup turistiche” e le holding di investimento e gli O.I.C.R. (Organismi di Investimento Collettivo del Risparmio) che investono prevalentemente in startup o PMI innovative,
  • Le offerte possano essere pubblicate solo attraverso portali on line gestiti da soggetti iscritti in un apposito registro gestito dalla CONSOB stessa
  • Una volta effettuato l’investimento, effettuando un bonifico presso un conto indisponibile, se la raccolta si perfeziona (ossia se raccoglie entro la scadenza l’intero capitale richiesto di cui almeno il 5% da parte di un investitore professionale), si diventa soci a tutti gli effetti della società emittente senza ulteriori attività da effettuare.
  • Entro 14 giorni dall’investimento si può comunque esercitare il diritto di recesso. In tal caso i fondi vengono riaccreditati sul proprio conto corrente.
  • In caso di mancato perfezionamento dell’offerta i fondi già versati tornano nella piena disponibilità degli investitori.